Sottoscrivi il feed Seguimi su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Google+ Seguimi su Tumblr Segui i miei scatti su Instagram

Pagine

22 luglio 2014

Angoscia, Cincinnatus, angoscia.

«Oggi è l'ottavo giorno, e non solo sono ancora vivo, vale a dire che la sfera del mio io ancora limita ed eclissa la mia esistenza, ma, come qualsiasi altro mortale, non conosco l'ora della mia morte e posso applicare a me stesso una formula che vale per tutti: la probabilità di un futuro è inversamente proporzionale alla sua teorica distanza temporale. Naturalmente, nel mio caso, la prudenza richiede di pensare in termini numerici molto piccoli, ma va tutto bene, va tutto bene - sono vivo. Ho avuto una sensazione strana la notte scorsa, e non era la prima volta: mi sto togliendo di dosso uno strato dopo l'altro, e infine... non posso descriverlo, questo, ma lo so: attraverso il processo di graduale spoliazione raggiungo il punto finale, indivisibile, saldo, sfolgorante e questo punto dice: io sono! Come un anello di perla conficcato nel grasso sanguinolento di uno squalo - Oh mio eterno, mio eterno.... e questo punto è sufficiente per me, in realtà nient'altro mi è più necessario. 

15 luglio 2014

I Middlestein di Jami Attenberg. Ve lo spiego io perché.

Jami Attenberg presenta i Middlestein - Fonte

Il fenomeno Middlestein
Questo libro, apparentemente sbucato dal nulla, è il nuovo oggetto del desiderio dei lettori 2.0. E non si capisce bene il perchéI Middlestein sono diventati, da subito, una famiglia molto social; si prestano ai 140 caratteri di twitter e, con la stessa disinvoltura, si ripartiscono le condivisioni selvagge su facebook. Padroneggiano nei salotti letterari di nicchia e serbano quel sano snobismo che li rende commercialmente appetibili. Qualcuno l'ha letto. Dicono sia un bel libro. I Middlestein. 

E lo è, un bel libro. Ma perchéVe lo spiego io perché.


30 giugno 2014

Un caffè con: Primo Levi

primo-levi
Primo Levi (Torino, 31 luglio 1919 – Torino, 11 aprile 1987) - Fonte